La valutazione dell’attività muscolare è fondamentale per fotografare lo stato di salute del paziente e per poter intervenire con percorsi terapeutici altamente personalizzati.

I protocolli funzionali permettono di valutare in pochi minuti cammino, postura, mobilità del tratto lombare e cervicale ed occlusione dentale, fornendo un supporto indispensabile nella definizione della terapia più adeguata e nell’analisi pre-post trattamento.

L’elettromiografia di superficie per la valutazione oggettiva dell’attività muscolare.

L’utilizzo del nostro sistema di elettromiografia FREEEMG 1000 insieme al sensore inerziale G-SENSOR permette di ottenere una visualizzazione immediata del comportamento del muscolo di riferimento in relazione al movimento effettuato.

Valuta i tuoi pazienti in modo veloce, semplice e accurato.

Grazie ai protocolli funzionali è possibile effettuare l’analisi di movimenti specifici per ogni distretto corporeo, in modo da avere una valutazione globale che permetta di formulare una vera e propria “diagnosi funzionale” intesa come l’individuazione di eventuali disfunzioni di movimento, potenzialità residue e strategie di compenso.

Come cammina il paziente?
Quando e quanto si attivano i suoi muscoli durante il cammino?

Con il protocollo WALK è possibile verificare se il paziente ha una buona coordinazione e simmetria del movimento oppure se, a causa di disordini neurologici o ortopedici, il cammino viene compromesso e alterato in alcune delle sue fasi.

I muscoli del paziente lavorano in maniera simmetrica nel mantenimento di una determinata postura?

Con il protocollo STATIC POSTURE è possibile valutare se i muscoli del lato destro e sinistro del tronco si attivano simmetricamente durante il mantenimento prolungato di una postura statica. I disformismi della colonna possono mostrare i loro esordi attraverso una differente attivazione della muscolatura paravertebrale.

Il paziente presenta una predisposizione al mal di schiena?

Con il protocollo FLEX-RELAX è possibile valutare se i muscoli lombari si rilassano nel mantenimento della posizione flessa del tronco. L’assenza del fenomeno di rilassamento indica che la muscolatura è contratta anche quando non dovrebbe esserlo portando nel tempo all’insorgenza di lombalgia.

Il tuo paziente riesce a muovere il braccio agevolmente?
Avverte dolore alla spalla?

Con il protocollo SHOULDER MOBILITY è possibile valutare la capacità del paziente di eseguire in maniera fluida i movimenti di flessione, abduzione o rotazione del braccio in modo da evidenziare la presenza di disordini muscoloscheletrici a livello dell’articolazione della spalla.

Il tuo paziente manifesta rigidità a livello della muscolatura cervicale?

Con il protocollo CERVICAL SPINE MOBILITY è possibile valutare la predisposizione del soggetto ai dolori cervicali per prevenirne l’insorgenza o il loro cronicizzarsi. L’eventuale presenza di contratture a livello della muscolatura cervicale, si traduce spesso in una limitazione oggettiva del movimento.

I problemi posturali del tuo paziente dipendono da una scorretta occlusione dentale?

Con il protocollo DENTAL OCCLUSION è possibile valutare l’equilibrio neuromuscolare durante l’occlusione. Il protocollo fornisce indici sintetici che permettono di stabilire se la muscolatura è in equilibrio e se quindi il paziente presenta un corretto baricentro occlusale.

Richiedi maggiori informazioni